ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Cesano, 1000 firme per dire "no al nuovo impianto di compostaggio rifiuti": Ama: "Tutto conforme"

Di red/comunicato 08/04/2018

Cesano, 1000 firme per dire "no al nuovo impianto di compostaggio rifiuti": Ama: "Tutto conforme"Prosegue la protesta dei residenti di Cesano e Osteria Nuova  che si erano da mesi mobilitati con una raccolta firme che ha ormai raggiunto le 1.000 sottoscrizioni.

"La periferia non è un posto in cui lasciare ciò che non si vuole. Siamo pronti ad autofinanziarci e a procedere per vie legali contro la realizzazione dell’impianto di compostaggio in via della Stazione di Cesano” hanno detto i cittadini.

"Cesano non ha strade idonee al transito di autocarri – ha detto Flavio Borfecchia, attivista del comitato di quartiere – inoltre avremmo il passaggio  giornaliero di veicoli per 365 giorni all’anno, con un impatto rilevante sulla qualità ambientale”.

“Nei pressi dell’area a ridosso della quale dovrebbe essere costruito l’impianto passa l’acquedotto di approvvigionamento idrico, un acquedotto antico augusteo, il depuratore Cobis che serve i comuni del Lago e l’acquedotto che rifornisce Roma” conclude il comitato.

Ama risponde: "I due siti rispondono ai criteri di adeguatezza prestabiliti: proprietà pubblica, conformità della superficie, viabilità idonea, distanza dal centro abitato. In particolare, sono stati fatti approfondimenti sugli aspetti vincolistici, idrogeologici e paesaggistici. Grazie a questi due nuovi centri di compostaggio sarà possibile trasformare a 'chilometri zero' gli scarti alimentari ed organici provenienti dalla raccolta differenziata dei quadranti limitrofi, per complessivi 900 mila cittadini serviti, in accordo con quanto previsto dal Piano per la Riduzione e la Gestione dei materiali post-consumo di Roma Capitale e dal Piano Industriale Ama 2017-2021".

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco