ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Notizia

Formello, incontri culturali: scopriamo l'antica famiglia nobiliare"Ruspoli", il 20 aprile a Palazzo Chigi

Di red/comunicato 15/04/2018

Formello, incontri culturali: scopriamo l'antica famiglia nobiliare"Ruspoli", il 20 aprile a Palazzo Chigi
Appuntamento con la Storia, venerdì, 20 aprile ore 18.30, alla Sala Grande di Palazzo Chigi, a Formello. “Questa volta avremo l'onore di ospitare un membro di una nobile famiglia romana”, spiega la signora Ivana Minguzzi , coordinatrice dell’International Group dell’Olgiata e organizzatrice dell’evento: “la Principessa Claudia Ruspoli, prima figlia di Sforza Ruspoli, detto Lillio. Donna Claudia, che vive fra Roma e Vignanello, si occupa a tempo pieno insieme alla sorella, Donna Giada ,residente in Brasile, del Castello di Vignanello, dove ha vissuto gli ultimi anni della sua vita lo zio, Don Alessandro, detto "Dado ", personaggio della " Dolce Vita " eccentrico, attore, e grande viaggiatore, che ha lasciato ogni incarico al fratello secondogenito Lillìo, che talvolta è dovuto andarlo a cercare in giro per il mondo perché non dava notizie di se. La famiglia Ruspoli trae le sue origini da Firenze e in linea diretta dai Marescotti di Bologna, da Mario Scoto, vissuto nell '800 d.C. Alla fine del XIV secolo, si trasferisce a Roma ed acquisisce ricchezze e beni quali il Feudo di Cerveteri e Vignanello col titolo di Marchesi. Sarà Papa Clemente XI nel 1704 a riconoscere loro il titolo di Principi romani, quali difensori del Papa e dello Stato Pontificio.

Mentre il Principe Lillìo vive fra Roma e Cerveteri, Donna Claudia si occupa per sei mesi l'anno del Castello di Vignanello e la sorella Giada degli altri sei. Hanno fatto un patto di ferro perché dicono: "Il Castello è la nostra storia, è un patrimonio che deve essere salvaguardato, ci appartiene, è una parte di noi; il testimone passerà a chi continuerà dopo di noi, perché le figure possono succedersi, ma lui, il Castello, rimane lì, nella sua fermezza e nel suo splendore”. "L’incontro sarà moderato dall’ambasciatore Vincenzo Prati.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco