ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Roma nord, 16enne della Cassia, "baby squillo" per un giorno, picchiata e stuprata da clienti

Di red/comunicato 24/06/2018

Roma nord, 16enne della Cassia, "baby squillo" per un giorno, picchiata e stuprata da clienti#ROMANORD, 16ENNE DELLA #CASSIA "BABY SQUILLO" PER UN GIORNO, PICCHIATA E STUPRATA DA SEDICENTI CLIENTI

Dovranno rispondere di prostituzione minorile e violenza sessuale di gruppo ai danni di una minorenne, i tre uomini che hanno consumato rapporti sessuali con una ragazzina di 16 anni che ha deciso di mettersi in vendita su un sito internet per 24 ore.

Ha scelto il giorno di S.Valentino, nel periodo in cui Roma fu travolta dallo scandalo delle Baby squillo, ma la vicenda è emersa solo ora, come anticipato dal quotidiano “Il Messaggero” .

La squallida storia non è nata in un quartiere degradato della città, ma a Roma Nord ed in una famiglia benestante con tanto di scuole private alle spalle. La ragazza, molto bella, è stata subito contattata; il primo cliente lo ha incontrato proprio a casa sua, una villa ad un passo dalla Cassia.

Il secondo invece, non si è presentato da solo, ma con quello che sembrava essere l'autista. Ha detto di essere un agente di spettacolo, le ha anche lasciato un biglietto da visita.

Secondo le dichiarazioni della 16enne, i due l’avrebbero condotta in un appartamento in via Cavour. Ed è qui che oltre al rapporto sensuale si è consumata la violenza. Nonostante le implorazioni di lasciarla andare e la confessione di essere minorenne e disturbata mentalmente, i due aguzzini non si sono fermati.

Una volta all’interno dell’abitazione, l’hanno stuprata a turno per due ore, come confermano gli accertamenti medico-sanitari effettuati al Sant’Andrea e al Bambino Gesù, grazie al racconto che la ragazza ha fatto alla madre, una dirigente ministeriale, la notte stessa dello stupro.

Il padre, un noto professionista della capitale, è stato informato dopo le visite. La sera stessa della violenza, ha chiamato un altro potenziale cliente, secondo gli investigatori il suo cellulare risulta intestato ad un senatore, ma nessuno è indagato, visto che l’incontro non c’è mai stato.

Il primo cliente sarà ora processato per prostituzione minorile, gli altri due per violenza sessuale di gruppo ai danni di una minorenne.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco