ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Aggiudicato servizio "Porta a Porta" per oltre 46mila utenze commerciali (anche in XV)

Di red/comunicato 25/06/2018

Aggiudicato servizio "Porta a Porta" per oltre 46mila utenze commerciali (anche in XV)AGGIUDICATO SERVIZIO 'PORTA A PORTA' PER OLTRE 46MILA UTENZE COMMERCIALI
È stato aggiudicato il servizio di raccolta differenziata "porta a porta" per le utenze non domestiche dei Municipi I, VI, VIII, X, XII, XIII, XV, che coinvolgerà oltre 46mila attività commerciali. Si tratta dei primi 8 lotti del bando di gara n. 2/2018, suddiviso in 16 lotti territoriali (2 per il I municipio e 14 per ciascuno dei restanti municipi cittadini), relativo all'affidamento del servizio di raccolta "porta a porta", trasporto e conferimento presso centri di trattamento/recupero dei rifiuti organici, multi-materiale leggero (imballaggi in plastica e metallo), cassette in plastica (coma da convenzione con il Co.N.I.P.-Consorzio Nazionale Imballaggi Plastici), vetro, carta, cartone e residuo non differenziabile provenienti da attività di ristoro (ristoranti, pizzerie, pub, bar, ecc.) e da altre utenze non domestiche su strada (negozi, alberghi, edicole, tabacchi, ecc.). Rispetto al precedente appalto ancora in corso (in 6 lotti) il bando in oggetto fissa un forte aumento delle utenze servite, che passeranno complessivamente, una volta aggiudicati anche i restanti 8 lotti, dalle circa 20 mila attuali ad oltre 85mila (+315%). In particolare, il I municipio quintuplicherà il numero di utenze non domestiche con servizio dedicato esternalizzato passando da 5mila a oltre 26mila. Lo comunica Ama in una nota.
L'obiettivo del nuovo bando è di fornire un servizio più razionale ed omogeneo con l'impiego di un unico soggetto (anziché più soggetti come finora) che si occuperà del ritiro di tutte le frazioni, compresi per la prima volta i rifiuti indifferenziati non riciclabili, anche al fine di ottenere una sensibile riduzione degli stessi (e conseguenti minori costi di trattamento). Ingente l'incremento atteso del quantitativo di materiali differenziati raccolti che potranno così essere avviati a recupero di materia: da 115mila tonnellate ad oltre 200mila tonnellate, in linea con quanto previsto nel piano industriale Ama 2017-2021. Dalle utenze non domestiche, a regime, si stima di raccogliere circa 112mila tonnellate di materiali organici, 56mila tonnellate di carta e cartone, 20mila tonnellate di vetro e 11mila tonnellate di multi-materiale leggero. Oltre alla valorizzazione di maggiori quantitativi raccolti della differenziata, il beneficio ambientale atteso è la riduzione dei rifiuti non riciclabili: quasi 100mila tonnellate di indifferenziato in meno da avviare a trattamento/smaltimento. Gli scarti alimentari e organici verranno raccolti tutti i giorni per le attività di ristoro, mentre le altre frazioni verranno prelevate nelle diverse tipologie di utenza (ristoro e non ristoro) con frequenze da 3 a 1 volta a settimana. E' infine previsto un rafforzamento dei sistemi tecnologici di tracciamento sul territorio per monitorare il servizio e rendicontarlo.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco