ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Mercato immobiliare, le zone che salgono e le zone che scendono: stabile la Cassia, richiestissima Ponte Milvio-Flaminio

Di red/comunicato 25/09/2018

Mercato immobiliare, le zone che salgono e le zone che scendono: stabile la Cassia, richiestissima Ponte Milvio-FlaminioI valori immobiliari nella Capitale, nella prima parte dell’anno, hanno registrato un ribasso dello 0,9%. Prezzi, dunque, sempre più in via di stabilizzazione a Roma e una lieve contrazione delle compravendite (-1,9% nel primo trimestre del 2018). E’ quanto emerge da un report del centro studi del Gruppo Tecnocasa che mette in evidenza come comunque la tipologia più richiesta resta il trilocale con il 44,8% % delle preferenze contro una media delle grandi città del 40,8%. Il calo riguarda sia il centro che la periferia.

Stabili i prezzi degli immobili nelle zone di Prati-Corso Francia (0%) e di Cassia Torrevecchia (-0,1%).


Nel centro storico si è registrato un calo dei valori dello 0,5%. Continua comunque ad essere forte la domanda per investimento con acquisti di piccoli tagli al di sotto di 500 mila euro. Tanti sono anche interessati ad adibire l’abitazione a struttura ricettiva e per questo motivo si cerca in tutto il Centro Storico ad eccezione delle aree di Porta Pia e Prati dove invece prevalgono gli acquisti di prima casa. Esiste poi un segmento destinato agli immobili di pregio, signorili e che si orienta su tagli molto ampi (oltre i 200 mq), posizionati ai piani alti, con terrazzo, possibilmente panoramici ed inseriti in contesti condominiali di particolare prestigio. Le zone che si prestano maggiormente a questo tipo di acquisti sono piazza del Popolo, via del Babuino e piazza di Spagna.

Mercato residenziale attivo anche nell’area Flaminio-Ponte Milvio-Belle Arti dove si cercano prime case ed uffici di rappresentanza. Si tratta in genere di tagli ampi i cui valori partono da 5000 € al mq a salire. Prettamente residenziale invece la domanda presente nell’area compresa tra Viale del Vignola e Ponte Milvio, dove a comprare sono quasi sempre famiglie con una buona disponibilità di spesa. Le richieste si focalizzano su tipologie tra 100 e 120 mq. In questa zona è possibile acquistare tipologie realizzate tra gli anni ’40 e gli anni ’60 a prezzi medi compresi tra 4000 e 6000 euro al metro quadro.

La macroarea dove i prezzi sono scesi maggiormente è quella di San Giovanni-Roma Est (-2%) tra i quartieri interessati Tuscolana-Don Bosco. La motivazione è da ricercarsi nell’abbondante offerta immobiliare presente sul mercato dovuta alla dismissione di immobili da parte di enti previdenziali.

Nella macroarea di Roma Sud si segnala una sostanziale stabilità. In particolare si segnalano novità sul mercato delle locazioni all’Eur. C’è infatti una ripresa della domanda di immobili in affitto da parte di aziende presenti in zona o che hanno dei progetti in corso nel quartiere. All’Eur tra l’altro si è insediata la sede di “Fendi” ed inoltre l’intero quartiere sarà per 5 anni sede di un circuito per macchine elettriche (Formula E). Infatti sono in aumento i contratti di tipo transitorio.

Nella zona Prati-Cola di Rienzo-Borgo Pio il mercato immobiliare vede una ripresa della domanda di soluzioni ristrutturate da finanziare attraverso mutuo. In diminuzione la richiesta di immobili da ristrutturare per timore dei lavori da svolgere. Dallo studio emerge anche un ritorno all’investimento immobiliare con acquisti sia di genitori per i figli che studiano in città e sia per affittare con locazione residenziale vista la buona domanda di locazione da parte di coloro che lavorano presso il Tribunale e degli studenti della “Lumsa”.

(Fonte Tecnocasa)

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco