ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Gestiscono un territorio grande come la città di Parigi lungo Cassia, Flaminia e Tiberina. Il sindacato di Polizia:"Ci servono uomini"

Di red/comunicati 02/11/2018

Gestiscono un territorio grande come la città di Parigi lungo Cassia, Flaminia e Tiberina. Il sindacato di Polizia:"Ci servono uomini"La denuncia del Sindacato di Polizia Ugl-LeS è questa: “nella città di Roma, una fra le più grandi città al mondo, la sicurezza del territorio, ovvero delle tante persone che vi risiedono o vi transitano e dei tanti turisti, è assicurata dalle, evidentemente insufficienti, varie forze dell’ordine. Per quanto compete alla Polizia di Stato (come in tutte le città italiane, vi è una Questura che mediante i propri Commissariati di Polizia a cui sono assegnate porzioni di territorio, garantisce la sicurezza e tutti quegli atti di Polizia che spaziano dalle indagini al rilascio di autorizzazioni); tra i tanti, vi è il Commissariato Flaminio che ha competenza su di una superficie di ben 186,71 km². Tuttavia i numeri assoluti, senza riferimento ad altre realtà simili, rischiano di non render bene l’idea dei contorni della questione e, giusto per avere un realistico e corretto termine di paragone, ricordo che Milano ha un territorio ampio 181,8 km², Napoli 117,3 km², Parigi 105,4 km²; queste grandi città hanno una superficie quasi paragonabile al territorio di competenza del Commissariato Flaminio. Adesso vi chiedo di fare uno sforzo d’immaginazione e di considerare, conseguentemente, che, per garantire la sicurezza di una di quelle menzionate grandi città italiane, vi siano poco più di quaranta poliziotti. Questo, allora, è proprio ciò che accade al quartiere Flaminio!”. Così ha spiegato, al termine di una riunione sindacale organizzata per questo argomento, Giovanni Iacoi, Segretario Generale del sindacato di Polizia Ugl-LeS, che ha poi proseguito: “con i nostri vertici territoriali, abbiamo deciso di dichiarare lo stato di agitazione sindacale”. Luca Andrieri, segretario generale di Roma e Pellegrino Matarazzo dirigente di base presenti alla riunione, hanno dichiarato: “con questi numeri non si riesce a garantire nemmeno i presidi presso gli Ospedali di Villa San Pietro e la Clinica Universitaria Sant’Andrea, ormai abbandonati a se stessi. Furti e fatti di una certa gravità, come quello verificatosi di recente all’Ospedale Sant’Andrea, dove una dottoressa è stata fatta oggetto di violenza, risultano sempre più preoccupanti ed in aumento, con la Polizia impotente per mancanza di uomini. Inoltre le numerosissime deleghe agli accertamenti dell’AG per fatti ricadenti nella giurisdizione territoriale non trovano sfogo se non dopo svariati solleciti per mancanza di uomini e mezzi. Si tenga conto, poi, delle funzioni meramente amministrative sull’immigrazione e sui rilascio dei passaporti che i Commissariati in genere, e quindi anche quello del Flaminio, si trovano a svolgere continuativamente e quotidianamente, attingendo alla medesima e scarsa dotazione di personale di Polizia. Tali funzioni, appare ovvio, tolgono ulteriore personale al servizio di sicurezza e prevenzione sul territorio. Su tutte queste problematiche abbiamo provveduto ad inviare una lettera al Questore, sperando in una oculata ripartizione delle poche risorse umane disponibili”. Ha poi concluso Iacoi: “ci appelliamo al nostro Ministro, perché garantisca delle assunzioni più rapide e concorsi più corposi; gli attuali numeri messi in campo dal Governo non copriranno nemmeno i pensionamenti in scadenza. La realtà è che è stato facile per i precedenti governi fare cassa risparmiando sul turnover e tuttavia si è creato un danno alla macchina della sicurezza difficilmente riparabile. Per tale motivo chiediamo all’attuale governo uno sforzo maggiore”.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco