ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Monte Mario. Torna a minacciare moglie e datore di lavoro. Finisce a Regina Coeli

Di red/comunicati 30/11/2018

Monte Mario. Torna a minacciare moglie e datore di lavoro. Finisce a Regina CoeliDisattende i divieti che gli erano stati imposti per maltrattamenti in famiglia e minacce –anche al datore di lavoro-. 46enne albanese finisce a Regina Coeli “accompagnato” dalla Polizia di Stato.

Non sono bastate 2 misure cautelari “lievi” per far desistere un 46enne di origini albanesi dal molestare e minacciare la moglie ed i figli minori. Alla nuova violazione il Tribunale ha disposto il carcere ed è stato arrestato dagli investigatori della Polizia di Stato.

J.A. –queste le iniziali dell’albanese- dopo una crisi matrimoniale, iniziata nella primavera scorsa, ha iniziato a minacciare pesantemente la moglie con espliciti messaggi telefonici e facendole trovare un grosso coltello in camera da letto, gettando così nel terrore la moglie ed anche i 2 figli della coppia.

Oltre alla denuncia della donna, gli agenti del commissariato Monte Mario, diretto da Andrea Sarnari, hanno raccolto la testimonianza del datore di lavoro di entrambi i coniugi, anche lui oggetto di minacce.

La prima ordinanza restrittiva proibiva a J.A. qualsiasi contatto con i familiari, seguita da un’altra che imponeva allo stesso di restare nel comune di Roma. Quest’ultima è stata violata pochi giorni fa dall’uomo che è stato bloccato dagli agenti del commissariato Monte Mario, davanti alla scuola di uno dei figli.

Preso atto di ciò il GIP del Tribunale di Roma ha emesso una misure cautelare in carcere; misura eseguita dagli stessi poliziotti che hanno accompagnato J.A. a Regina Coeli.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco