ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Roma Nord si allontana dal centro e pure dalla Tuscia Viterbese.

Di Luca Pagni 04/07/2019

Roma Nord si allontana dal centro e pure dalla Tuscia Viterbese.Da lunedì 1 luglio 2019 l’orario dei treni lungo la linea ATAC Roma Civita Castellana Viterbo soffre una riduzione delle corse urbane ed extraurbane con soppressione delle navette sostitutive dei treni.

Questo grazie all’entrata in vigore del nuovo regolamento dettato dall'Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie – ANSF anche per la tratta Roma Nord, finora gestita secondo le norme dall’Ufficio speciale trasporti a impianti fissi – USTIF (sotto le direttive del Ministero dei Trasporti – MIT).

La velocità massima della linea consentita è 50 km/h, salvo eventuali limitazioni più restrittive di velocità notificate secondo le modalità regolamentari in vigore.

Su tutti gli attraversamenti e su i deviatoi di linea non comandati da ACEI è imposta la battuta d’arresto, ed i treni dovranno fermarsi.

Sulla tratta urbana tra Montebello a Roma Flaminio (piazza del Popolo) la dotazione di sicurezza soddisfa i criteri richiesti e non ci saranno blocchi del servizio.

Sulla tratta extraurbana, tra Montebello e Viterbo, già fortemente penalizzata da riduzioni costanti di servizio, la dotazione di sicurezza è rappresentata dal Blocco (giunto) Telefonico, che come “tecnologia” è abbastanza datata (degli anni 50!).

Dal 1 luglio 2019, rallentamenti e soppressioni su tratta extraurbana, fanno temere il blocco del servizio.

Non prendiamocela con
macchinisti, capotreno ed operatori di stazione perché questo non dipende da loro, ma dagli ordini imposti dai dirigenti di esercizio.

La Regione Lazio si trascina con le aggiudicazioni della gara per il raddoppio tra Riano e Morlupo da ormai 7 mesi e attualmente il contratto con le aziende aggiudicatarie dei due lotti non è ancora stato firmato.

Ricordiamo che per fare il progetto esecutivo le ditte hanno a disposizione altri 3 anni.

L’acquisto dei nuovi treni non è ancora perfezionato, ma se dovesse essere firmato oggi, questi nuovi mezzi non arriverebbero prima della fine del 2021.

Atac dal canto suo, essendo praticamente a “fine mandato” (ha avuto dalla regione un ulteriore rinnovo di 18 mesi mascherato da nuovo contratto, quindi dal 1 luglio 2019 al 31 dicembre 2020) perché la Regione starebbe predisponendo la nuova gara per l’affidamento del servizio e... fa quello che può, con i mezzi che ha, molto pochi in verità.

Il Comitato Pendolari Roma Nord prevede che molti cittadini non useranno più questa linea ma prendendo la macchina, con inevitabili ripercussioni di traffico sulla via Flaminia e su tutto il quadrante a nord della capitale.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco