ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Qualcosa si muove alla stazione di Vigna Clara a Corso Francia, ma non sono ancora i treni.

Di Luca Pagni 21/11/2019

Qualcosa si muove alla stazione di Vigna Clara a Corso Francia, ma non sono ancora i treni. Questa mattina dalle 7,30 Buongiorno Regione Lazio ha trasmesso in diretta su RAI 3 gli interventi dei comitati dei cittadini e di RFI, con un servizio di Rossella Santilli.



Lo scorso 21 ottobre 2019 una sentenza del TAR del LAZIO ha dato ragione ad RFI che potrà effettuare le prove tecniche propedeutiche alla riapertura della stazione, senza doversi interfacciare con i cittadini ricorrenti. Le prove previste per i primi giorni di novembre non sono ancora state effettuate ed i cittadini sono in fibrillazione.



Cristina Tabarrini di “Un anello per Roma” sottolinea l’importanza della stazione per la mobilità locale e di Roma Nord, bloccata dal forte traffico di auto intorno a Corso Francia. Per questo se si usasse il treno si diminuirebbero le polveri sottili e l’inquinamento automobilistico, migliorando anche la qualità di vita di molti cittadini che potrebbero raggiungere in soli 8 minuti Valle Aurelia e la metro A.



L’Arch. Angelini, come Comitato stazione Vigna Clara e dintorni, ha chiesto l’accesso a tutti gli atti “per appurare se i ricorrenti hanno diritto a livello urbanistico di fare questi ricorsi per la liceità

delle loro concessioni edilizie, depositate anche a Pomezia, perché la galleria risale al ventennio fascista, antecedente alla costruzione degli edifici”.



Daniele Ottazzi, del Comitato Vigna Clara Fleming per la Mobilità, sogna la chiusura dell’anello ferroviario intorno a Roma.



Non è chiaro il futuro del mercato di piazza Diodati, del parcheggio di scambio, e dei collegamenti via gomma con piazza Mancini che ad oggi non ci sono.



L’Ing. Marco Rorassa di RFI ha dichiarato che “già oggi sono riprese le attività di ripristino della tratta lungo la linea. Le corse prova che erano state pianificate saranno riprese da metà gennaio 2020, dureranno circa 10 giorni, con un treno TAF regionale che servirà per le prove vibrazionali volte a verificare le ripercussioni sulla stabilità degli edifici circostanti delle vibrazioni da passaggio treni. Sono in corso contatti con gli operatori del mercato, con il Comune e con il XV Municipio, dovendo capire il dimensionamento del parcheggio che sarà a servizio della stazione di Vigna Clara. Come RFI contiamo di finire le nostre attività nel mese di aprile 2020 ed il primo treno passeggeri potrebbe esserci entro il 2020”.

Staremo a vedere.



Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco