ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Domenica 23 Febbraio, alle 18.30 – Teatro Velly – Formello “L’ORO D’ITALIA” Archetipo Ensemble

Di red/comunicati 06/02/2020

Domenica 23 Febbraio, alle 18.30 – Teatro Velly – Formello  “L’ORO D’ITALIA” Archetipo Ensembleprogramma di Sala

Canto del Viaggio (Esiodo – Piovani)
Malachianta (tradizionale salentino)
Michelammà (Anonimo del 1600)
Mi votu e mi rrivotu (R. Balistreri)
Le streghe (Calzelli - Ilari)
Scetate (F. Russo - Costa)
La Virrinedda (tradizionale)
No potho reposare (Sini - Rachel)
Tanto pe’ cantà (E. Petrolini)
Luna Nova (Costa - Di Giacomo)
La Mattanza (Merlino - Raffaele)
E vui durmiti ancora (Fomisano – Calì)
L’eco der core (R. Balzani)
Sa lughe (M.P. Ledda – Cannavacciuolo)
Scalinatella (Bonagura – Cioffi)
Lu puddricinu (tradizionale siciliano)
Roma nun fa la stupida A. Trovajoli -Garinei -Giovannini)
Rumba d’e scugnizze (R. Viviani)




“Gli uomini sono come il mare:
l’azzurro capovolto che riflette il cielo.
Sognano di navigare, ma non è vero”
(dall’ultimo canto di Saffo)


Il Mediterraneo... un mare tra le terre


Quella del Mediterraneo è una cultura millenaria, espressione di una “civiltà” antica quanto l'uomo, che travalica gli attuali confini politici, ideologici e religiosi.
E' un sentire comune che affonda le radici nel mito, nella storia, nella memoria atavica.
E’ una storia scolpita dai flutti, incisa nella terra e nell’anima dei “popoli del mare”, in eterna attesa di un viaggio la cui musica antica, scaccia il terrore del naufragio…
Una storia che sopravvive nella musica, arcaica e arcana che, di questi popoli, conserva e trasmette l'essenza e l'identità, insieme alla descrizione di luoghi dove sembra che anche le pietre delle case emanino un suono lontano, evocatore di misteri, di lotte saracene, di smisurate tragedie e di infiniti amori….
E’ il canto dei popoli del mare, naviganti di ogni tempo, la cui musica levigata dai venti e fissata dal sole, racconta la loro e la nostra storia.




Voce e mandola - Maria Ausilia D’Antona
Voce e percussioni – Maria Assunta Recalina
Chitarra – Gabriele Falcone
Chitarra – Sergio Trojse
Basso acustico – Alfredo Trojse








Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco