ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Galleria Giovanni XXIII, fase due

Di Luca Pagni 13/03/2020

Galleria Giovanni XXIII, fase dueÈ Stata riaperta al traffico la Galleria Giovanni XXIII, dopo la prima fase dei lavori di manutenzione straordinaria iniziata il 30 gennaio 2020 lungo la “canna nord” in direzione Trionfale, Cortina d’Ampezzo, Policlinico Gemelli e Pineta Sacchetti. Lunedí 2 marzo 2020 è stato fatto un sopralluogo di fine lavori dalla sindaca Virginia Raggi con l'assessora ai Lavori pubblici Linda Meleo, e con i presidenti di XIV e XV Municipio, Alfredo Campagna e Stefano Simonelli.
Dal 3 al 24 marzo 2020 è in corso, sempre nella “canna nord”, la seconda fase dei lavori con chiusure al traffico veicolare dalle 22 alle 6, per applicare sui pannelli fotoriflettenti una vernice antigraffiti, fotocatalitica e capace di assorbire l’inquinamento. Le imprese, impegnate nelle manutenzioni, hanno eseguito interventi di rifacimento completo del manto stradale sui complessivi 2,9 km del tratto di galleria, pulizia di tombini e caditoie, riqualificazione della segnaletica stradale orizzontale e verticale, installazione degli attenuatori d’urto in prossimità delle uscite, sostituzione delle barriere di sicurezza danneggiate e operazioni di sanificazione e ripristino dei pannelli fotoriflettenti per migliorare la visibilità all’interno della galleria. I lavori, iniziati il 20 gennaio scorso, in questa prima fase hanno avuto una durata di 40 giorni circa, secondo il cronoprogramma rivisto per contenere i disagi al traffico e riaprire la Galleria prima dei 75 giorni previsti dalla programmazione iniziale.
Il costo complessivo dell’intervento è di 5 milioni di euro comprensivo anche dei lavori che saranno eseguiti nel tratto della “canna sud”, direzione Stadio Olimpico/Salaria nel prossimo mese di luglio, dopo la chiusura delle scuole e in seguito alle partite dell’Europeo di calcio che Roma ospiterà a giugno. Per la prima volta dall’inaugurazione della Galleria nel 2004 sarà realizzata una riqualificazione completa. Gli impianti di illuminazione erano stati già adeguati da Acea con la nuova tecnologia a led rispettivamente nel 2018 e 2019.
Alessandra Agnello, Presidente della Commissione Capitolina Lavori Pubblici, ha ricordato che “nel solo anno 2017 all'interno della Galleria ci sono stati 33 incidenti stradali di cui 6 con feriti gravi. Sono 1033 gli incidenti, alcuni mortali, registrati dall'apertura della Giovanni XXIII avvenuta nel dicembre del 2004. Ed è per questo che stiamo lavorando anche alla progettazione per i lavori di installazione dei rilevatori della velocità media.” La Sindaca Virginia Raggi ha dichiarato che “da quando la galleria è stata aperta nel 2004 non sono mai state fatte le manutenzioni ordinarie e straordinarie e quindi siamo arrivati a oggi con la necessità di rifare l'asfalto, rimettere in quota i tombini, pulire tutto, aggiustare i pannelli foto-riflettenti e fotocatalitici, che degradano l'inquinamento, aiutando a preservare l'infrastruttura più a lungo.” Andrea Nardini, coordinatore della LEGA in XV Municipio, evidenzia che “la Raggi ha fatto posizionare una bella targa ‘commemorativa’ con il suo nome a caratteri cubitali per aver fatto eseguire (metà) lavori sulla Galleria Giovanni XXIII. Siamo alla follia”, spiega. “I cittadini sono talmente abituati al nulla di questa sindaca, che si prova a celebrare la normalità come eccezione, l'ordinario come fosse straordinario”, conclude Nardini. Il consigliere Alessio Cecera (PD), Vicepresidente Comm. LL.PP. e Urbanistica del XIV Municipio, giá Assessore ai Lavori Pubblici e Urbanistica, proponeva fin dal 2018 di studiare un piano mobilità alternativo, in previsione del cantiere, creando tavoli tecnici con vigili urbani e dipartimento. Gli venne risposto che si sapeva bene il da farsi ed oggi gli abbiamo chiesto un parere tecnico sui lavori terminati e le sue argomentazioni ci hanno dato molto da pensare su come i “responsabili” controllino lo stato avanzamento dei lavori e la chiusura dei cantieri, nel pieno rispetto delle gare d’appalto.
“In merito ai lavori nella Galleria Giovanni XXIII, importanti e da molto tempo attesi e previsti nel capitolato, ci sono tre dissonanze.
La prima è quella relativa al tutor che non sembra esser stato installato. Era forse la prima cosa necessaria e richiesta a gran voce dai cittadini perché l'alta velocità in galleria è la causa primaria dei numerosi incidenti che vi si verificano e la causa delle ripetute chiusure temporanee del traffico.
La seconda è il manto di asfalto che in più punti non è "pareggiato" ovvero presenta della smagliature tra la posa del nastro di asfalto di una carreggiata e l'altro. Questo è evidente in alcuni tratti sia nella parte centrale dove è presente la linea di mezzeria sia nella parte laterale dove è presente il marginatore. Speriamo che questo dislivello non comporti problemi soprattutto agli scooteristi.
Infine il livello dei tombini: una delle lavorazioni avrebbe dovuto comportare il livellamento al piano stradale,.mentre ce ne sono diversi che hanno un livello più basso.”
Il costo complessivo dell’intervento è di 5 milioni di euro, comprensivo dei lavori da fare a partire dal 4 luglio 2020 nel tratto della “canna sud” in direzione Stadio Olimpico, Corso Francia, Flaminia e Salaria, dopo la chiusura delle scuole e dopo le partite degli Europei di calcio 2020, la cui partita inaugurale Italia-Turchia è ancora prevista allo Stadio Olimpico di Roma il 12 giugno 2020.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco