ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Cesano, ricorso al TAR di 2 associazioni per l'annullamento previa sospensione del DPCM del 26 aprile

Di red/comunicati 06/05/2020

Cesano, ricorso al TAR di 2 associazioni per l'annullamento previa sospensione del DPCM del 26 aprileRICORSO AL TAR DEL LAZIO PER L’ANNULLAMENTO -PREVIA SOSPENSIONE CAUTELARE DELL’EFFICACIA- DEL DPCM 26 APRILE 2020 SULLE MISURE DI CONTENIMENTO COVID19 SUL TERRITORIO NAZIONALE, RICHIESTO DALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO “PRO TERRITORIO E CITTADINI ONLUS” E “RAGGI DI SPERANZA - ODV”.
_______

Notificato e depositato telematicamente al TAR del Lazio il ricorso n.3097/2020 delle associazioni “Pro territorio e cittadini onlus” di Roma e “Raggi di Speranza – ODV” di Rieti, assistite dall’avvocato Gabriele Colasanti, del foro di Roma, con il quale viene chiesto l’annullamento, previa sospensione cautelare dell’efficacia, del DPCM del 26 aprile 2020 che detta le nuove misure urgenti per il contenimento sull’intero territorio nazionale del Covid19, per il periodo 4 -17 maggio 2020.

I ricorrenti lamentano in primis l’illegittimità costituzionale del decreto legge 25 marzo 2020 n. 19, con il quale viene delegata al Presidente del Consiglio, la potestà di sospendere o limitare la libera circolazione delle persone sul territorio nazionale, in violazione dell’art.16 della Costituzione che prevede una espressa riserva di legge in materia, mentre il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri è un provvedimento amministrativo.

Il DPCM è in contrasto con diverse norme costituzionali e leggi statali per essere discriminatorio nei confronti delle associazioni di volontariato alle quali preclude la possibilità di continuare la propria attività in favore degli associati, precludendogli l’accesso alle sedi sociali, seppure nell’osservanza delle misure di sicurezza.

Ancora, il DPCM eccede rispetto a quanto indicato dal suddetto Decreto Legge per:

- aver sancito il divieto di riunione nei luoghi privati anziché nei soli luoghi pubblici o aperti al pubblico come previsto nel decreto-legge n. 19/2020;

- aver delegato al Ministro dello Sviluppo Economico la variazione dei codici ATECO delle attività commerciali che possono o non possono stare aperte;

- aver adottato le medesime misure di contenimento per tutto il territorio nazionale senza tenere debito conto dei diversi dati epidemiologici, registrati nelle varie regioni italiane, quindi senza rispettare i principi di adeguatezza e proporzionalità, con ingiustificate restrizioni della circolazione delle persone.

Firmato:

Il Presidente dell’associazione “Pro territorio e cittadini onlus”
Patrizia Belloni

Il Presidente dell’associazione “Raggi di Speranza – ODV”
Nazzareno Di Vittorio
___

Per maggiori informazioni:
segreteria@proterritorioecittadinionlus.it


Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco