ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Cassia - Uffici anagrafici si spostano all'Olgiata al Plaza

Di Chiara Villani 16/07/2020

Uffici anagrafici si spostano all'Olgiata al PlazaÈ stato finalmente approvato il progetto che concederà nuova dignità all’Olgiata Shopping Plaza, una struttura piena di potenziale ed ottima anche dal punto di vista architettonico e logistico ma ad oggi ridotta ad edificio fantasma; nella seduta del 15 Luglio 2020, è stata infatti votata all’unanimità dal Consiglio del Municipio XV la proposta di trasferire gli uffici anagrafici di La Storta dai locali privati di Via Bassano a questo spazio pubblico comunale; uno spostamento che permetterà un notevole risparmio di denaro pubblico del Comune di Roma sul canone di locazione dell’edificio privato,www.hellorolex.is che si stima essere sui 100.000 euro l'anno, che potranno così essere impiegati altrove. Una storia davvero travagliata quella del centro commerciale dell’Olgiata, proprietà comunale ma “punto verde di qualità”, ovvero concessa dall’amministrazione pubblica ad un privato concessionario, che è stato inaugurato nel 2010 con la prospettiva di renderlo un polo allora assente di servizi e di esercizi commerciali per gli abitanti della zona esterna al Raccordo, ma che tuttavia non ha mai decollato: infatti, dopo un continuo declino culminato con la chiusura del Mc Donald’s, l’unica attività che riusciva a resistere alla crisi che aveva già travolto tutte le altre venti del complesso, per un lungo periodo l'elegante struttura a forma piramidale e dal design ricercato, è stata lasciata in balia del degrado, abitata solo da cumoli di immondizia e resa teatro di attività illecite. Fino ad oggi, a prendersi cura dell’Olgiata Shopping Plaza abbandonato, a rischio occupazione, ritrovo di vandali e teppisti, è stata una squadra di volontari dell’Associazione Territorio & Buonsenso in collaborazione con il coordinamento Lega Municipio XV, che più d’una volta sono intervenuti con decoro days volti a ristabilire decoro e legalità pulendo l’area, rimuovendo vegetazione incolta, materiali ingombranti e varie tipologie di rifiuti anche pericolosi, come cocci di bottiglie e siringhe, e ripitturando i muri sui quali erano state inscritte parole offensive. Sempre dal direttivo Lega XV era stata avanzata la proposta, avvallata da una cospicua raccolta firme indetta dallo stesso direttivo, di riqualificare l’area e adibirla a ufficio anagrafico, come pure, ma sulla realizzazione di questa proposta non si hanno ancora notizie, a biblioteca. Un’ipotesi, questa, prospettata anche da altri esponenti politici, tra cui Emanuele Anzoino, Consigliere del Municipio Roma XV (M5S),replica watches che a seguito del Consiglio esulta sui social per questo progetto che finalmente pare diverrà realtà. In attesa di vedere il trasferimento concretizzarsi, non si può che esser lieti della rivalorizzazione in modo socialmente virtuoso di un’area pubblica abbandonata e ad oggi inutile e insicura per la comunità, e che favorirà anche un notevole risparmio per le casse pubbliche.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco