ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Vigna Clara: tra buche e vegetazione incolta che mina l’incolumità dei residenti.

Di Beatrice Scacchi 29/09/2020

Vigna Clara: tra buche e vegetazione incolta che mina l’incolumità dei residenti.La situazione di degrado che caratterizza alcuni marciapiedi di Vigna Clara preoccupa molteplici residenti: “Ho scelto di vivere in questa zona più di vent’anni fa, quando i problemi di degrado non esistevano e la manutenzione delle strade, dei parchi o delle piazze era ordinaria. Oggi, in alcune zone del quartiere, ho paura a camminare sul marciapiede ed inciampare in una delle buche che occupano l’asfalto” afferma, nel pomeriggio nel pomeriggio di Lunedi 28 Settembre, un’anziana signora residente nei pressi di Parco Bellonni. Le problematiche del quartiere sono molte. Ad avvalorare quanto dichiarato dalla signora emerge la situazione visibilmente deteriorata dei marciapiedi e dell’asfalto di Via Girolamo Belloni e di Piazza Giuochi Delfici, i quali, si presentano con parte del suolo dissestato, rialzato, disconnesso e parzialmente franato, pericoloso, quindi, per l’incolumità dei residenti. A riguardo, il marciapiede che costeggia la Stazione Taxi Giuochi Delfici, si mostra ricoperto dalla vegetazione, la quale concorre a nascondere l’asfalto danneggiato e vari tipologie di rifiuti. Inoltre, diversi cittadini che abitualmente frequentano la Chiesa Santa Chiara, in Piazza Giuochi Delfici, sono preoccupati per la condizione del marciapiede che occupa lo spazio difronte la chiesa, maggiormente frequentato da persone anziane: “Mia madre si reca quotidianamente in chiesa per seguire la messa, spesso sono costretta ad accompagnarla, in quanto, alcuni tratti del marciapiede si presentano indubbiamente pericolosi per una donna anziana”. La poca illuminazione di questi luoghi contribuisce a renderli rischiosi, specialmente nelle ore serali, a causa della poca visibilità. Purtroppo, i problemi descritti sono solo una parte di quelli reclamati dai residenti negli ultimi anni, i quali chiedono l’intervento immediato degli organi preposti a tutela dell’incolumità pubblica.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco