ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Impianto di compostaggio Cesano, ricorso al tar da parte delle associazioni del territorio

Di red/comunicati 01/11/2020

Impianto di compostaggio Cesano, ricorso al tar da parte delle associazioni del territorioIMPIANTO DI COMPOSTAGGIO VIA DELLA STAZIONE DI CESANO DI ROMA

LE ASSOCIAZIONE DEL TERRITORIO PROPONGONO RICORSO AL TAR PER L’ANNULLAMENTO PREVIA SOSPENSIVA DELLA DETERMINA DI VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE DELLA REGIONE LAZIO

L’Associazione Pro Territorio e Cittadini onlus di Cesano di Roma, rende noto di aver proposto unitamente ad altre cinque associazione del territorio: Insieme per Cesano CdQ di Roma; Progetto comune APS di Anguillara Sabazia; Aste Taurine di Roma località Santa Maria di Galeria; Osteria Nuova e Santa Maria Galeria APS CdQ di Roma località Osteria Nuova e ACRU (associazione consortile due pini, ricorso al TAR del Lazio per l’annullamento previa sospensione dell’efficacia della determina della Regione Lazio con quale è stata pronunciata valutazione di impatto favorevole per la realizzazione di un impianto di compostaggio da parte della società AMA S.p.a, per il trattamento di 60.000 tonnellate/anno di rifiuti organici, su di un’area di circa 68.000 metri quadrati, situati in via della Stazione di Cesano di Roma. L’Associazione Pro territorio e cittadini onlus, fa sapere altresì che l’Avvocato Gabriele Colasanti, curatore del ricorso ha ravvisato numerose violazioni di legge, rilevate dalla copiosa documentazione della procedura, anche grazie alla fattiva collaborazione dei volontari delle associazioni ricorrenti muniti di specifiche competenze tecniche al riguardo, tra cui gli Ingegneri Elio Morgani e Rosario Bartolo e il dott. Roberto Colasanti già appartenente al Comando CC Tutela Patrimonio culturale e docente in legislazione dei beni culturali (Uniromatre).

Maggiori dettagli saranno forniti nel corso di video conferenza di prossimo svolgimento.

segreteria@proterritorioecittadinionlus.it

Il Presidente

Patrizia Belloni

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco