ZONA - IL GIORNALE GRATUITO DI ROMA NORD

» Home » Cronaca » Notizia

Attenzione animali in transito!

Di Luca Pagni 09/03/2021

Attenzione animali in transito!È sempre più frequente, lungo le principali strade di Roma Nord, vedere cartelli stradali di pericolo, con il simbolo di un cervo stilizzato.

Questa segnaletica viene montata dell’ente che gestisce la strada, per segnalare la presenza di animali selvatici che potrebbero attraversare e provocare incidenti, per cui gli automobilisti potrebbero provare a chiedere un risarcimento dei danni subiti, a persone e cose, verso chi gestisce il tratto stradale, per omessa custodia di animali, vaganti e randagi.

Nel caso di possibile attraversamento di animali domestici o da fattoria, viene stilizzata una mucca.

La reale efficacia di questa segnaletica è mitigata dal fatto che molti cittadini si abituano alla loro visione ma non reagiscono prontamente, forse perché non hanno mai assistito o subito un incidente stradale con gli animali selvatici che frequentano sempre di più gli ambienti cittadini, in cerca di cibo e di ristoro.

Chi ha visto istrici, ricci, volpi, caprioli o cinghiali, attraversare una strada o percorrere un marciapiede, è invece più consapevole dei rischi che si possono correre.

Per questo la segnalazione di pericolo andrebbe posti solo in “punti caldi”, conosciuti per l’alta frequenza di incidenti, e potrebbe risultare più incisiva se accompagnata da pannelli luminosi con messaggi tipo “Attenzione pericolo ⚠️ ! N° ... collisioni con ungulati in questo tratto di strada negli ultimi 6 mesi”.

Il Codice della Strada italiano prevede un solo tipo di cartello indicante la presenza di fauna selvatica, per cui si invitano gli automobilisti a guidare con ancora più attenzione e prudenza, riducendo la velocità ed aguzzando la vista periferica.

Dal XV Gruppo di Polizia Locale del Comune di Roma, apprendiamo che Il protocollo prevede che venga allertata la Polizia Provinciale al tel. 06 67665311 o tramite le forze di polizia al numero unico 112.

Vigli Urbani, Polizia e Carabinieri non possono sparare con le armi di ordinanza e deve intervenire chi ha competenza e strumenti per la gestione di animali che vanno in ogni caso preventivamente addormentati.

Purtroppo anestetizzando i cinghiali 🐗 li si rende non più sfruttabili per la macellazione, perché divenuti pericolosi per la salute umana, e li si deve abbattere o trasportare e consegnare in riserve di caccia o presso associazioni senza fini di lucro.

Commenti

Due ruote e non solo
Autoricambi Libiani Vasco